top of page
  • Immagine del redattoreFederico Noferi

Chi è Federico?

Un articolo un pò diverso dagli altri. Ma che ritengo utile fare perché credo che possa essere di aiuto a tant* ragazz* giovani.

In alcuni post, vi racconterò un po' di me e di quelle situazioni che io ritengo abbiano aiutato a cambiare drasticamente il corso degli eventi e della mia vita professionale.


Sono stato un ragazzo come tanti, nato e vissuto a #Piombino, in provincia di #Livorno. Una cittadina conosciuta più per l'acciaieria e per le #CIGO che per altro - sicuramente più bello e interessante.

Cresciuto nella mia famiglia composta da babbo (#operaio di Magona), mamma (casalinga) e mia sorella.

Sono cresciuto a pane e #sport.

Il #nuoto mi ha accompagnato quotidianamente e ininterrottamente dai 3 ai 19 anni della mia vita.

Una vita di grandi #sacrifici - soprattutto per i miei genitori - che mi hanno sempre permesso di partecipare alle #competizioni che venivano organizzate ovunque.

Non sono mai stato un #talento. Alcuni miei competitor erano sicuramente molto più talentuosi di me. Ma questo, per me non era problema. Non avrei mai fatto il nuotatore professionista. E lo sapevo. Quello che contava per me, era che io potevo gareggiare in mezzo a futuri #campioni e distinguermi solo grazie alla #dedizione e al #sacrificio che ponevo in ogni #allenamento. Gli allenamenti erano duri, tanti e duri.

Ma nel nuoto, se vuoi divertirti, devi abbassare la testa e nuotare più degli altri.

E mentre nuoti, e cresci, e nuoti, e cresci, non credi che tutto l'impegno e la #formamentis che ti tiene in piedi durante l'attività sportiva, possa esserti di aiuto per la carriera lavorativa.

E invece, poi, succede che nel corso della carriera professionale devi misurarti con tante sfide e difficoltà.

Ed è solo in quel momento che ripensi a tutte le bracciate, alle lacrime, alle ore passate in acqua.

Ed è in quel momento che ringrazi i tuoi genitori per averti portato agli allenamenti. Anche quando la voglia di allenarsi era assente, i tuoi amici uscivano, si divertivano alle feste, andavano al mare.

E' in tutti quei momenti che si nota a linea sottile. Quella linea che ti pone di fronte a tutte quelle piccole grandi scelte quotidiane. Quella che determinerà i successi che sarai in grado di cogliere.




Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page